Agriturismo nel salento

L'agriturismo Tenuta Sant'Andrea si trova nel centro del Salento, in agro di Muro Leccese, a pochi km dalla prestigiosa Otranto e delle più belle mete turistiche salentine.

Nato nel 1996 con l'obiettivo di far gustare agli ospiti le prelibatezze delle nostre cucine, l'agriturismo si è trasformato nel corso degli anni in una vera e propria struttra ricettiva tipica, integrata nel contesto agricolo in cui è immersa. Più di 30 ettari di olivi secolari condotti in biologico, fanno da contorno ad una masseria del 1700 che dispone di appartamenti diffusi nei quali gli ospiti possono soggiornare.




Rilassati un fine settimana



ULTIME NOTIZIE DaL BLOG DI TENUTA SANT'ANDREA

Pranzo di Natale

0 Commenti

PMI DAY INDUSTRIAMOCI

Quest'anno l'agriturismo Tenuta Sant'Andrea ha avuto il piacere di ospitare gli allievi dell’Istituto Tecnico Professionale Lanoce di Maglie in occasione del PMI DAY INDUSTRIAMOCI, organizzato dal Comitato Piccola Industria di Confindustria, in collaborazione con Confagricoltura nell’ambito della XVIII Settimana della Cultura.

Molti gli argomenti affrontati nel corso dell'incontro: xylella e prospettive per il futuro in primis.

È stata una bella iniziativa per trasmettere alle generazioni future l'orgoglio e la passione di condurre un'azienda agricola e agrituristica: un’occasione per testimoniare la propria esperienza imprenditoriale, i risultati raggiunti, ma anche i progetti futuri.

leggi di più 0 Commenti

CENA GRECA

Il 23 novembre l'agriturismo Tenuta Sant'Andrea organizza una serata dedicata ai sapori, alla musica e alle danze greche.

La masseria indosserà le vesti di un caratteristico locale ellenico per omaggiare la cultura gastronomica e artistica della penisola bagnata dal nostro stesso mare.

Koriatiki, Moussaka, Tzatziki, Melitzano salata, Ghemistá sono alcune delle delizie che si potranno gustare a cena.

Come tradizione vuole non mancheranno le danze greche a partire dal Syrtos, per giungere all'HasapikoHasaposerviko, sulla base della famosa Zorba's Dance.

 

E per chi non ha mai ballato ci sarà Beppe Loiacono (insegnante di danze popolari del Sud Italia ed internazionali) che guiderà i primi passi nelle danze balcaniche sul cerchio aperto.

 

La cena inizierà alle 20:30.

Chi vuole una piccola lezione di ballo (gratuita) potrà venire in Tenuta alle 19:00.

 

Segui anche l'evento su facebook.

leggi di più 2 Commenti

PONTE DI OGNISSANTI

valido per il pranzo dell' 1 e 3 novembre

leggi di più 0 Commenti

San Martino - 11 novembre

In questi giorni iniziano le ricorrenze per la festa di San Martino.

Ma, chi era costui?

Era vescovo di Tours nel IV secolo, uno dei santi più celebri fin dal Medioevo perché a lui sono connessi tanti detti, proverbi, riti, usanze e tradizioni gastronomiche in molti luoghi dell'Europa.

Nato nel 316, aveva il destino già segnato: fare il soldato come suo padre che lo chiamò Martino in onore del dio della guerra Marte.

Durante una ronda avvenne l'episodio che gli cambiò la vita (e che ancora oggi è quello più ricordato e più usato dall'iconografia). Nel rigido inverno del 335 Martino incontrò un mendicante seminudo. 

Non avendo denaro da dargli, tagliò a metà il proprio mantello affinché il mendicante avesse qualcosa con cui coprirsi. La notte seguente vide in sogno Gesù rivestito della metà del suo mantello militare. Udì Gesù dire ai suoi angeli: «Ecco qui Martino, il soldato romano che non è battezzato, egli mi ha vestito». Quando Martino si risvegliò il suo mantello era integro. 

Il futuro vescovo passò quasi venti anni nell’esercito e, dopo aver ricevuto il battesimo decise di congedarsi per divenire monaco. Fu poi ordinato diacono e infine prete. Viaggiò a lungo predicando il cristianesimo, convertì i pagani errando per terre lontane finché un giorno si fermò in Francia, nei pressi di Poitiers, dove fondò un monastero. La sua popolarità crebbe di giorno in giorno sicché, per volontà popolare e perché potesse continuare con maggiore efficacia la propria opera di evangelizzazione, Martino venne ordinato vescovo di Tours.

leggi di più 0 Commenti