Call

+39 329 61 56 854



RESTAURANT

The restaurant offers a variety of options: from the tasting menu to the à la carte menu which, on the other hand, leaves guests the taste of choosing their favorite dishes.

 

Then there are the personalized menus, for parties, weddings, events or for any other important occasion that requires specific banquet care.

 

In summer you can dine outdoors in the atriums that once housed the courtyard animals.

In cold seasons you can eat indoors, in rooms with open fireplaces.

 

We use raw materials for the products of the company gastronomy, in seasonal variations, obtained from us or purchased from farms not far from ours.

 

We also prepare tasty vegetarian and gluten-free dishes.

Philosopy in the kitchen

The kitchen plays a fundamental role for the modern man: intimate moment of meeting between people eager to communicate while they taste delicious dishes with taste.

 

It is on these foundations that the kitchen of Tenuta Sant’Andrea is founded, where Tullia (responsible for the choices in the kitchen) has always tried to bring the true taste of the banquet to the guest friends; it does this by preparing traditional recipes typical of Salento and the entire Mediterranean basin, revisiting them, at times, with original touches; it takes the desire to see diners chattering like when you are at home on Sunday and you want to enjoy family, friends and relatives.

 

The dishes worked in the kitchen are born in the company gardens or in the countryside surrounding the farm structure so that the scents of the seasons delicately insinuate themselves on the prepared tables.

 

With this philosophy Tullia collected the recipes in a precious book entitled "La cucina di Tullia" and published by Botanica Ornamentale Ediz.


Offerta di Pasqua Agriturismo in Salento

Tenuta Sant'Andrea propone dei gustosi menù per le giornate di Pasqua e Pasquetta. 

E per chi vuole godersi a pieno le vacanze, la masseria ha creato dei pacchetti tutto compreso.


Il nostro chef ha creato un gustosissimo menù


Pasqua in masseria


TRASCORRI LE VACANZE DI PASQUA IN SALENTO

 

 

 

 

 

 

Siete amanti della campagna e della vita all'aria aperta

Vi piace la cucina attenta alle tradizioni ed alla qualità?

Anche quest'anno Tenuta Sant'Andrea propone delle offerte per soggiornare in Tenuta e per deliziare i palati!!!


0 Commenti

Pranzo di Natale

Finalmente  💫 di nuovo un Natale insieme!💫 

 

🎄🎄🎄Vi presentiamo la deliziosa proposta di Tenuta Sant'Andrea per il pranzo di Natale!🎄🎄🎄

per info e prenotazioni: +39.329,6156854

3 Commenti

San Martino - 11 novembre

Menù di san MArtino

info: +39.3296156854


La storia di San Martino

In questi giorni iniziano le ricorrenze per la festa di San Martino.

Ma, chi era costui?

Era vescovo di Tours nel IV secolo, uno dei santi più celebri fin dal Medioevo perché a lui sono connessi tanti detti, proverbi, riti, usanze e tradizioni gastronomiche in molti luoghi dell'Europa.

Nato nel 316, aveva il destino già segnato: fare il soldato come suo padre che lo chiamò Martino in onore del dio della guerra Marte.

Durante una ronda avvenne l'episodio che gli cambiò la vita (e che ancora oggi è quello più ricordato e più usato dall'iconografia). Nel rigido inverno del 335 Martino incontrò un mendicante seminudo. 

Non avendo denaro da dargli, tagliò a metà il proprio mantello affinché il mendicante avesse qualcosa con cui coprirsi. La notte seguente vide in sogno Gesù rivestito della metà del suo mantello militare. Udì Gesù dire ai suoi angeli: «Ecco qui Martino, il soldato romano che non è battezzato, egli mi ha vestito». Quando Martino si risvegliò il suo mantello era integro. 

Il futuro vescovo passò quasi venti anni nell’esercito e, dopo aver ricevuto il battesimo decise di congedarsi per divenire monaco. Fu poi ordinato diacono e infine prete. Viaggiò a lungo predicando il cristianesimo, convertì i pagani errando per terre lontane finché un giorno si fermò in Francia, nei pressi di Poitiers, dove fondò un monastero. La sua popolarità crebbe di giorno in giorno sicché, per volontà popolare e perché potesse continuare con maggiore efficacia la propria opera di evangelizzazione, Martino venne ordinato vescovo di Tours.

Il santo viene celebrato il giorno 11 novembre, anniversario del suo funerale svoltosi a Tours in questo giorno.

Questa data è diventata una festa straordinaria in tutto l'Occidente, grazie alla sua popolare fama di santità e al numero notevole di cristiani che portavano il nome di Martino.

In Italia il culto del Santo è legato alla cosiddetta estate di san Martino la quale si manifesta, in senso meteorologico, all'inizio di novembre e dà luogo ad alcune tradizionali feste popolari.

L'11 novembre è simbolicamente associato alla maturazione del vino nuovo (da qui il proverbio "A San Martino ogni mosto diventa vino") ed è un'occasione di ritrovo e festeggiamenti nei quali si brinda, appunto, stappando il vino appena maturato e accompagnato da castagne o caldarroste.

Coincide con la fine dell'annata agraria; in campagna un tempo ci si riposava e ci si dedicava alla cura della stalle, degli animali e delle botti che dovevano essere svuotate per fare spazio al vino nuovo.

Questa ricorrenza ha quindi una doppia valenza, religiosa e popolare; testimonia lo stretto legame che esiste tra la natura ed il mondo dei contadini.

Nel Salento l'11 novembre è una giornata molto importante. Ci si riunisce tra amici, ci si organizza con molto anticipo e si mangiano pittule, salsiccia, spiedini, 'mbruscatizzi (gnumareddhi), castagne e poi tanto, tanto vino!

L'allegria è protagonsita!!!

La tradizione vuole che per la sera di San Martino si acquisti il vino nuovo. Attenzione però!!! Il vino nuovo nulla ha a che vedere con il vino novello.

Vino nuovo o vino novello?

Ma il vino nuovo o il vino novello sono la stessa cosa?

Spesso si crea molta confusione. È bene chiarire!

Il vino nuovo è il vino che, concluse le varie fasi di vinificazione, è in attesa di essere imbottigliato.

Il vino novello, invece, è il prodotto di uve sottoposte a una particolare tecnica di vinificazione chiamata macerazione carbonica. Semplificando, i grappoli interi di uva (non diraspati) sono posti in vasche da 50/70 hl, nelle quali, dopo aver creato un vuoto d’aria, viene immessa anidride carbonica; l’uva rimane nei maceratori dai sette ai 10 giorni. In questo periodo si sviluppano molti processi chimici tra cui la trasformazione di una parte dello zucchero in alcool in assenza di lieviti, il passaggio di colore dalla buccia alla polpa, la formazione dei profumi che caratterizzano il vino. La massa viene poi pressata e avviata alla fermentazione naturale. Il vino ottenuto, a cui si aggiunge una piccola percentuale di anidride solforosa, viene filtrato e imbottigliato.

Le cantine del Salento leccese lo producono sapendo bene che il novello non è un vino che può essere conservato per molto tempo a causa della mancanza di macerazione sulle bucce.


0 Commenti